Don't give up! Non mollare mai!

  Le classi prime della Scuola Secondaria di primo grado hanno lavorato sul testo della canzone "Don't give up" esprimendo in maniera creativa il messaggio di "non mollare mai". Buona…

L’Istituto Canossiano dice NO ALLA MAFIA

Il giorno 21 maggio, le classi quarte della primaria hanno incontrato, in live streaming, Antonio Vassallo, primo testimone oculare della strage in cui hanno perso la vita Giovanni Falcone e…

10 favole per una compagnia a distanza

Il Piccolo Rifugio è una fondazione che fornisce servizi a persone con disabilità e a San Donà di Piave (Ve), in particolare, un centro diurno e una comunità alloggio residenziale…

Incontro con Igor Cassina

La classe 2A secondaria di primo grado ha incontrato l'atleta olimpico Igor Cassina per condividere con lui non solo i momenti più importanti della sua carriera sportiva, ma anche quelli…

8 maggio - Festa di Santa Maddalena

"Finalità della nostraScuola non è solo istruire,ma formare alla vita,preparando questefanciulle e fanciulli,quando saranno adulti,ad essere capaci divivere liberi da ogni compromesso"   Le madri vi salutano insieme a Santa…

Video di incoraggiamento ai ragazzi dai docenti del Liceo

"Tenere duro e avere fiducia e speranza". Questo, in sintesi, il messaggio che gli insegnanti del liceo scientifico - scienze applicate e sportivo - e del liceo delle scienze umane…
  • Home
  • News
  • News CFP
  • Erasmus+, lo stage all'estero della nostra Scuola di Formazione Professionale

Erasmus+, lo stage all'estero della nostra Scuola di Formazione Professionale

Sono da poco tornati a casa gli otto alunni delle classi terze della nostra Scuola di Formazione Professionale coinvolti nel progetto Erasmus+.

Come lo scorso anno, che ha visto il nostro Istituto apripista del progetto, anche nel 2019 lo stage svolto all'estero dagli studenti è considerato curricolare, cioè viene riconosciuto ai fini dell'ammissione all'esame al pari del tirocinio fatto in Italia. Un progetto che quest'anno è cresciuto, offrendo la possibilità a ben otto studenti, due in più dell'anno precedente, di prendere parte allo scambio.

Rientrare nel progetto Erasmus + è un vanto e un privilegio per la Scuola, che può offrire agli studenti un'esperienza che va al di là del tirocinio lavorativo; i ragazzi, infatti, sperimentano per un mese intero la vita in una nazione diversa dall'Italia, sono ospitati da delle famiglie e lavorano con persone con una cultura e una lingua differenti dalla loro.

Quest'anno gli studenti hanno lavorato al Cheshire College - South & West nella città di Crewe in Inghilterra.

I vincitori del bando sono stati selezionati a novembre fra gli alunni delle classi terze Operatore Amministrativo Segretariale e Operatore Grafico. Gli otto vincitori, prima della partenza, si sono impegnati nello studio della lingua inglese e nella raccolta di tutti i materiali necessari per il progetto.

Durante la loro permanenza in Inghilterra hanno vissuto in tre differenti famiglie e a ognuno di loro è stata affidata una specifica mansione lavorativa. Alcuni studenti hanno potuto mettere in pratica quanto imparato fra i banchi di scuola, altri, invece, hanno potuto apprendere nuove competenze. Ma tutti hanno imparato a rapportarsi con clienti e datori di lavoro anglofoni e con modi di fare e di porsi diversi da quelli italiani, hanno sviluppato il loro senso di adattamento e flessibilità e hanno sperimentato i loro limiti e ed escogitato strategie per superarli.

"Lo svolgimento all'estero dello stage curricolare, cioè lo stage legato al percorso scolastico, è un'occasione preziosa per i nostri allievi" ha aggiunto il Direttore Andrea Michielan.  "Permette di mettere in gioco molte competenze, da quelle linguistiche a quelle relazionali. La possibilità di essere inseriti in un contesto lavorativo di un altro paese, in questo caso inglese, consente di poter vivere e apprendere modalità organizzative e comunicative differenti."

Nel mese trascorso all'estero, gli studenti hanno inoltre avuto modo di conoscere il Paese che li ha ospitati, visitando, fra le altre, le città di: Liverpool, Manchester, Chester e Birmingham.

L'avventura di questi otto studenti è un esempio di come la scuola possa offrire, oltre all'educazione, esperienze d'interculturalità e interrelazione.