Scambio culturale con il Collège Saint-Charles di Orléans

Per l'undicesimo anno di fila si è svolto lo scambio culturale con gli alunni della scuola francese, ospitati dalle famiglie italiane. Uno scambio che, appunto, è in essere da più di…

Convegno: il rispetto delle regole nello sport e nella vita

Come si declina la legalità nello sport? Per molti è difficile rispondere a questa domanda. Invece la legalità è alla base dello sport stesso. Le regole e il rispetto delle…

Piancavallo 2019

A febbraio le classi prime, seconda e terza del Liceo sportivo e sc. applicate sono andate a Piancavallo (PN) per le attività residenziali invernali. I ragazzi hanno praticato sci alpino…

Concorso di pittura

Il giorno 22 febbraio si è svolto nella nostra scuola il tradizionale concorso di pittura. Ha visto coinvolte la scuola Primaria e Secondaria di primo grado in due ore durante…

Erasmus+, lo stage all'estero della nostra Scuola di Formazione Professionale

Sono da poco tornati a casa gli otto alunni delle classi terze della nostra Scuola di Formazione Professionale coinvolti nel progetto Erasmus+. Come lo scorso anno, che ha visto il…

Attività Integrative 2019

Dal 4 al 9 febbraio si sono svolte le attività integrative, appuntamento annuale molto importante per la nostra scuola. Quest'anno l'organizzazione è stata diversa rispetto al solito, perche sono state…
  • Home
  • News
  • News CFP
  • Erasmus+, lo stage all'estero della nostra Scuola di Formazione Professionale

Erasmus+, lo stage all'estero della nostra Scuola di Formazione Professionale

Sono da poco tornati a casa gli otto alunni delle classi terze della nostra Scuola di Formazione Professionale coinvolti nel progetto Erasmus+.

Come lo scorso anno, che ha visto il nostro Istituto apripista del progetto, anche nel 2019 lo stage svolto all'estero dagli studenti è considerato curricolare, cioè viene riconosciuto ai fini dell'ammissione all'esame al pari del tirocinio fatto in Italia. Un progetto che quest'anno è cresciuto, offrendo la possibilità a ben otto studenti, due in più dell'anno precedente, di prendere parte allo scambio.

Rientrare nel progetto Erasmus + è un vanto e un privilegio per la Scuola, che può offrire agli studenti un'esperienza che va al di là del tirocinio lavorativo; i ragazzi, infatti, sperimentano per un mese intero la vita in una nazione diversa dall'Italia, sono ospitati da delle famiglie e lavorano con persone con una cultura e una lingua differenti dalla loro.

Quest'anno gli studenti hanno lavorato al Cheshire College - South & West nella città di Crewe in Inghilterra.

I vincitori del bando sono stati selezionati a novembre fra gli alunni delle classi terze Operatore Amministrativo Segretariale e Operatore Grafico. Gli otto vincitori, prima della partenza, si sono impegnati nello studio della lingua inglese e nella raccolta di tutti i materiali necessari per il progetto.

Durante la loro permanenza in Inghilterra hanno vissuto in tre differenti famiglie e a ognuno di loro è stata affidata una specifica mansione lavorativa. Alcuni studenti hanno potuto mettere in pratica quanto imparato fra i banchi di scuola, altri, invece, hanno potuto apprendere nuove competenze. Ma tutti hanno imparato a rapportarsi con clienti e datori di lavoro anglofoni e con modi di fare e di porsi diversi da quelli italiani, hanno sviluppato il loro senso di adattamento e flessibilità e hanno sperimentato i loro limiti e ed escogitato strategie per superarli.

"Lo svolgimento all'estero dello stage curricolare, cioè lo stage legato al percorso scolastico, è un'occasione preziosa per i nostri allievi" ha aggiunto il Direttore Andrea Michielan.  "Permette di mettere in gioco molte competenze, da quelle linguistiche a quelle relazionali. La possibilità di essere inseriti in un contesto lavorativo di un altro paese, in questo caso inglese, consente di poter vivere e apprendere modalità organizzative e comunicative differenti."

Nel mese trascorso all'estero, gli studenti hanno inoltre avuto modo di conoscere il Paese che li ha ospitati, visitando, fra le altre, le città di: Liverpool, Manchester, Chester e Birmingham.

L'avventura di questi otto studenti è un esempio di come la scuola possa offrire, oltre all'educazione, esperienze d'interculturalità e interrelazione.