Tu chiamale se vuoi... EMOZIONI

È in grado la SELFIE GENERATION di riconoscere le proprie emozioni e saperle gestire?Certamente sembra facile, ma in realtà non è proprio così… questo è quanto emerso dai ragazzi di…

Convegno dello sport

Nella giornata di Giovedì 03 Giugno, i nostri ragazzi del liceo scientifico e delle scienze umane hanno avuto la possibilità di sentire le esperienze di quattro atleti di primissimo livello…

Che disegni, ragazzi!

Quest’anno i bambini della scuola primaria e i ragazzi della scuola secondaria di primo grado hanno partecipato con entusiasmo al concorso di disegno che, ormai da tanti anni, si tiene…

L'Università di Udine incontra la nostra Academy.

Il Magnifico Rettore dell'Università degli Studi di Udine ha incontrato gli studenti del Liceo "Madonna del Grappa" di Treviso.  L'intervento si inserisce nell'ambito delle relazioni intraprese da anni tra il…

Fare per imparare

Il modo migliore per imparare e ricordare gli argomenti trattati è mettere in pratica la teoria. I ragazzi delle classi terze non dimenticheranno facilmente le avanguardie artistiche del ‘900, perché…

Sulla libertà e l'essere liberi

Il 25 aprile si è festeggiato il settantaseiesimo Anniversario della Liberazione dell’Italia dall’occupazione nazi-fascista le cui celebrazioni, per il secondo anno di fila, si sono svolte in un clima di…

Il modo migliore per imparare e ricordare gli argomenti trattati è mettere in pratica la teoria. I ragazzi delle classi terze non dimenticheranno facilmente le avanguardie artistiche del ‘900, perché le hanno apprese sperimentando in prima persona i loro diversi stili, attraverso il filo conduttore dell’autoritratto.

lo stesso tema quindi affrontato con tecniche artistiche e modalità espressive diverse, perché è attraverso il confronto che si capiscono meglio le differenze.

Le correnti artistiche affrontate sono state: l'Espressionismo, il Cubismo, il Futurismo, il Dadaismo e l'Art Brut (omaggio a Dubuffet).

art brut 1.JPG

 

collage dada massolin.jpeg

 

collage dada Buosi .jpg

 

cubismo 1.JPG

 

cubismo 2.JPG

 

espressionismo 2.JPG

 

espressionismo.JPG

 

futurismo 2.JPG

 futurismo2 1.jpg

 

Anche quest’anno i ragazzi della Scuola secondaria di primo grado si sono cimentati nelle attività del CRESCO, un progetto che nasce dalla volontà di far esprimere e riflettere gli studenti oltre i consueti binari della didattica.

Il tema di quest'anno per le classi prime è la scoperta di sé stessi: sono state proposte attività ludico-teatrali, legate alla comunicazione delle emozioni e all’importanza dell’ascolto.

Le classi seconde hanno invece intrapreso un viaggio verso la conoscenza dell’altro: dall’influenza dei cambiamenti climatici sulla nostra vita quotidiana, alla scoperta dei rapporti di amicizia e dell’empatia. I ragazzi della sezione B hanno inoltre rielaborato graficamente gli elementi fondamentali analizzati, ispirandosi alla street art di Keith Haring.

Nelle classi terze il lavoro è stato incentrato sul Progetto Orientamento che guida e aiuta i ragazzi nella scelta della Scuola Secondaria di Secondo Grado con diverse attività volte alla scoperta dei loro talenti e delle loro passioni.

 

Le classi prime della Scuola Secondaria di primo grado hanno lavorato sul testo della canzone "Don't give up" esprimendo in maniera creativa il messaggio di "non mollare mai". Buona visione!

Il link del video:

La classe 2A secondaria di primo grado ha incontrato l'atleta olimpico Igor Cassina per condividere con lui non solo i momenti più importanti della sua carriera sportiva, ma anche quelli legati alla sua formazione ed educazione personale, fondamentali per essere "vincenti" nella vita. Ecco alcune parole dell'atleta: 
"A 6 anni sono entrato in una palestra e ho provato una forte emozione. A 10 anni avevo il sogno di diventare campione. 
Campione nella vita è colui che lavora ogni giorno per realizzare un sogno. Non necessariamente nello sport. La famiglia è stata fondamentale, il faro di riferimento.
A volte non è facile sottostare a delle regole, ma ci vengono imposte per il nostro bene. Anche gli insegnanti non sono solo formatori, ma anche educatori. Fidatevi. Rispetto, discipline, regole... per qualsiasi cosa farete nella vita. 
Anche in questo momento particolare... diventiamo più forti! E' nei momenti più difficili che noi diventiamo più forti! Ciò che vi farà diventare il numero uno nella vita è la costanza, la disciplina, l'impegno... perchè? per apprezzare la vita!
Scrivete il vostro sogno nel cassetto e proteggetelo! Voi ragazzi avete un grande potenziale, un talento che vi può permettere di realizzare qualcosa di importante! Nella vita possiamo ottenere grandi risultati, ma quello che fa la differenza è tutto il percorso che c'è stato. 
Aiutatevi l'uno con l'altro. Il talento più grande è donare, sostenere, condividere."
E' stata una forte emozione condivisa tra tutti ascoltare l'esperienza e i consigli che sono stati dati ai nostri ragazzi: un pieno di energia per affrontare con più coraggio e fiducia il proprio futuro.
cassina 1

cassina 2

 

La scuola secondaria di I grado, nella settimana dal 17 al 21 febbraio, ha coinvolto gli studenti in una programmazione alternativa, lo sviluppo di un progetto laboratoriale che, nella sua articolazione tradizionale, va sotto il nome di “attività integrative”. 

Le prime medie hanno affrontato il tema delle “4 R”: ripara, ricicla, riusa e riduci, con l’obiettivo di riflettere su quanto e come si consuma e spreca al giorno d’oggi in tutti gli ambiti quotidiani. Durante i laboratori, hanno avuto l’opportunità di scoprire come si possa ridare nuova vita agli oggetti che riteniamo dei rifiuti, costruendo dei robot oppure creando strumenti musicali come l’ukulele o il bastone della pioggia, giochi e opere d’arte. I ragazzi hanno potuto approfondire gli obiettivi dell’Agenda 2030 e conoscere alcune figure professionali ormai del tutto scomparse come il saponaro, il seggiolaio, l’ombrellaio, lo sprangaio, lo stracciaio e l’arrotino. La settimana è stata inoltre arricchita dall’uscita allo stabilimento della Contarina, dove i ragazzi hanno appreso il lungo viaggio della nostra spazzatura e i benefici di una raccolta differenziata ben fatta.

I nostri ragazzi di seconda media hanno lavorato su tematiche di cittadinanza attiva concentrandosi in modo particolare sull’Obiettivo nr. 13 – Agire per il clima – dell’Agenda 2030.  Hanno partecipato a momenti di formazione con l’aiuto dell’Associazione SelvArt che ha raccontato l’esperienza della tempesta “Vaia” e del recupero artistico delle foreste; hanno assistito ad una lezione presso l’Università di Venezia sullo scioglimento dei ghiacciai e conosciuto il progetto ICE MEMORY, che studia il fenomeno; hanno compreso il fenomeno delle maree, per analizzare l’evento climatico straordinario che ha colpito Venezia nel novembre scorso. Accanto alla formazione in classe, però, i ragazzi hanno potuto riflettere su questi fenomeni mettendosi in gioco: hanno creato qualcosa con le proprie mani, utilizzando rami e tronchi provenienti dalle foreste di “Vaia” ed hanno realizzato delle vere opere d’arte. Hanno intervistato gli abitanti di Venezia che hanno vissuto la terribile esperienza dell’acqua alta di novembre, hanno ascoltato le loro parole piene di preoccupazione, colto in loro paura e rabbia. 

Le classi terze si sono cimentate nella realizzazione di uno spettacolo teatrale, quest’anno volto ad una riflessione sulle tematiche ambientali, di salvaguardia del nostro pianeta Terra e del suo ecosistema. In forza di ciò, la proposta è stata originale… Una rilettura, attualizzata, della saga di Tolkien “Il Signore degli Anelli”, dal titolo “Il Signore degli Anelli – There is no planet B”. Il mondo è minacciato dalla sete di potere neocolonialista del Signore del Male Sauron, che assieme al suo servo SaruTrump il Biondo non esita a sradicare alberi, abbattere intere foreste, inquinare l’aria con gas nocivi, per soppiantare il vecchio mondo con le fiamme dell’industria… Ma una compagnia di creature resistenti, guidate dalla giovane hobbit Froda Thumberg e protette dallo spirito buono di Papa Gandalf, sono pronte a combattere per salvare la Terra di Mezzo… I ragazzi, diretti da alcuni insegnanti, hanno interpretato con intensità i vari ruoli recitativi, ma non solo! Hanno confezionato i costumi, collaborato alla realizzazione delle scenografie, curato la regia tecnica, dando vita ad una messa in scena corale e ben riuscita. 

Bravissimi!