La Scuola di Formazione Professionale delle Canossiane di Treviso sperimenta il primo stage curricolare Erasmus all’estero

È partito da Treviso, dalla Scuola di Formazione Professionale ENAC dell’Istituto Canossiano, il primo tirocinio “curricolare”, cioè inserito nel normale percorso di studi, svolto all’estero nell’ambito della formazione inziale riconosciuto…

Viaggio nel mondo della stampa: classi prime in visita alla tipoteca di Cornuda

«L’arte di stampare e pubblicare un testo o una immagine conserva una ritualità un po’ solenne che proietta sull’oggetto libro un’aura speciale. Avere la possibilità di controllare tutte le parti…

Le Canossiane al BettShow di Londra

Una delegazione è a Londra per visitare la più grande fiera internazionale delle tecnologie didattiche, il Bett: creating a better future by transforming education. Tra monitor interattivi, realtà virtuale, coding…

Giorno della memoria

Le classi prime e seconde della scuola media hanno assistito ad uno spettacolo di narrazione teatrale sulla storia del ghetto di Terezin, in Cecoslovacchia.Nello spettacolo si racconta di questo campo,…

Ospiti ad evento Apple

La nostra scuola invitata all'Apple Education Leadership Summit a Londra per capire come la tecnologia può far apprendere meglio i nostri ragazzi.

La Learning Week!

La Learning Week: una settimana in cui l'insegnamento tradizionale lascia spazio a corsi di recupero, attività di potenziamento, uscite didattiche e molto altro! Tra le varie attività: realizzazione di murales…
  • Home
  • News
  • News CFP
  • Contro la violenza sulle donne: parliamo di emozioni con i giovani

Contro la violenza sulle donne: parliamo di emozioni con i giovani

Una grande opportunità è stata data ai giovani delle scuole superiori di Treviso, dalla Fondazione Zanetti che ha organizzato un incontro dal titolo “Tra il grido e il Silenzio”. Nella mattina del 28 marzo, presso l'Auditorium dell’ospedale Ca’ Foncello si è tenuto infatti un incontro sul tema della violenza contro le donne a cui hanno partecipato le classi terze del Centro di Formazione Professionale Madonna del Grappa.

La violenza contro le donne è una realtà diffusa, trasversale perché riguarda tutti gli stati sociali ed economici della popolazione e nella grande maggioranza dei casi si sviluppa all’interno della famiglia. Spesso è invisibile e non riconosciuta e si inserisce nel contesto delle violenze che vanno affrontate non solo dal punto di vista psicologico, ma anche culturale e generazionale.

Lo strumento indispensabile per contrastarla è un’adeguata alfabetizzazione emotiva da parte dei genitori, poi realizzata dalla scuola, tenuta istituzionalmente a farsi carico dell’educazione.

L’argomento è stato affrontato prima con la visione del film “Ti do i miei occhi” che ha toccato temi come l’amore, i legami, l’aiuto, la rabbia e la paura, poi con l’intervento della dott.ssa Mion che in qualità di psicologa e formatrice ha chiarito l’importanza di dare un nome ai propri sentimenti scardinando gli stereotipi sociali. La conclusione è stata affidata alle parole della dott.ssa Inio, psicologa del centro Antiviolenza Telefono Rosa, che ha fornito indicazioni pratiche e dati concreti.

Il ruolo della scuola può essere importante: sempre più i giovani sono in difficoltà nel decodificare i propri sentimenti e nel dare loro un nome e questo è indispensabile per riuscire a chiedere adeguate risposte da chi sta loro attorno, se ad esempio la paura viene tramutata in rabbia (a causa di stereotipi e retaggi storici errati) si rischia di crescere dei giovani che da adulti non riusciranno a controllare le proprie reazioni. Sin dalla primaria, la scuola deve aiutare gli studenti ad alfabetizzare i loro sentimenti in collaborazione con le famiglie, preparate e rese consapevoli da opportuni interventi formativi.

 

 

Andrea Michielan
Direttore CFP Madonna del Grappa
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
tel. 0422.432849
fax 0422.267400