Ecco il LOG! il giornalino dell'Istituto.

Al link presente in questa home page, potete trovare la versione digitale del giornalino scolastico redatto dagli studenti di tutti gli ordini di scuola del nostro istituto. http://www.canossiane-treviso.it/documenti/send/46-giornalino-log/221-log2018 Buona lettura!

Laboratorio Teatrale "Mettiamoci in gioco"

Giovedì 31 maggio 2018, alle ore 20.30 andrà in scena presso l'aula magna del nostro Istituto "Questo matrimonio (non) s'ha da fare", un'ironica ed avvincente parodia del  capolavoro manzoniano "I…

I cantastorie - Progetto continuità scuola elementare e media

Giovedi 17 maggio le alunne e gli alunni delle due prime medie sono stati protagonisti all'interno del progetto continuità scuola elementare e media. Per un pomeriggio sono diventati cantastorie, ed…

Salone Internazionale del Libro di Torino 2018

Nel week-end 11-13 maggio una pattuglia rappresentativa della scuola media è stata accompagnata da alcune insegnanti a Torino per visitare il Salonte Internazionale del libro. Questo salone è considerato il…

Come si fa?

La curiosità di sapere come si "fanno" le cose, gli oggetti, tutto quello che ogni giorno abbiamo sotto gli occhi è sempre grande. Il 9 maggio le due classi prime…

Una giornata particolare

  Il 2 maggio 2018 è stato dedicato ad uscite e attività didattiche. Tutte le classi della nostra scuola media sono state coinvolte. Le prime sono andate a visitare il…
  • Home
  • News
  • News CFP
  • La Scuola di Formazione Professionale delle Canossiane di Treviso sperimenta il primo stage curricolare Erasmus all’estero

La Scuola di Formazione Professionale delle Canossiane di Treviso sperimenta il primo stage curricolare Erasmus all’estero

È partito da Treviso, dalla Scuola di Formazione Professionale ENAC dell’Istituto Canossiano, il primo tirocinio “curricolare”, cioè inserito nel normale percorso di studi, svolto all’estero nell’ambito della formazione inziale riconosciuto dalla Regione Veneto.

Quest’anno, per la prima volta in Veneto, il progetto Erasmus è stato parificato all’esperienza di tirocinio normalmente svolta in Italia dagli alunni delle scuole professionali.

I progetti di mobilità, attivati da anni dal C.F.P. dell’Istituto Canossiano, offrono agli allievi selezionati un periodo di stage all’estero, interamente finanziato con fondi Europei, in aziende dell’Unione Europea.

Fino ad oggi, questi progetti venivano svolti durante il periodo estivo, mentre quest’anno si è giunti a poter realizzare lo stage all’estero durante l’anno formativo.

Sei studenti della SFP dell’Istituto Canossiano, tre del settore grafico e tre del settore amministrativo, partiti sabato 27 gennaio, stanno svolgendo lo stage presso il Bournville College di Birmingham (Regno Unito), sotto la supervisione di un tutor britannico e del direttore Andrea Michielan.

I ragazzi sono già al lavoro: alla libreria, alla reception, negli uffici amministrativi e all’ufficio marketing.

Gli allievi sono ospitati in varie famiglie, potendo così relazionarsi ed essere a stretto contatto con diverse abitudini e stili di vita differenti.

“Sappiamo di vivere un’esperienza unica e indimenticabile” hanno detto i ragazzi. “Non è facile confrontarsi con una nuova cultura ma è questo scambio che ci porterà a maturare umanamente e professionalmente”.

Primi a beneficiare di un sistema sempre più integrato di formazione scuola-lavoro, gli alunni della SFP ENAC Veneto dell’Istituto Canossiano non perderanno ore di lezione perché il periodo di stage coincide con quello dei ragazzi rimasti in Italia e, soprattutto, vedranno riconosciuta come parte del percorso formativo l’esperienza svolta all’estero.

Andrea Michielan:

“Siamo fieri di poter offrire per primi questa possibilità. Essere immersi in un contesto lavorativo di un altro paese consente di arricchire il proprio bagaglio di competenze, potendo misurarsi con modalità diverse di organizzare e svolgere il lavoro.

Sono esperienze che permettono di creare una cultura europea e una visione più ampia delle cose.

Mi auguro possa essere una occasione per crescere sia dal punto di vista professionale che umano e al ritorno portare nel nostro contesto italiano le buone pratiche osservate e apprese”.